Spesso il dentista è visto come il medico che cura il mal di denti. Ma questo è solo parte del suo lavoro. Il dentista non solo guarisce e cura le malattie e i problemi che possiamo avere ai denti, ma ci aiuta a prevenirle e ad evitarle.

Il male ai denti è uno dei dolori peggiori da sopportare e quasi sempre si presenta senza particolari avvisaglie. Ma troppo spesso il motivo per cui compare è la nostra sottostima del problema o di una scarsa cura dei nostri denti, per questo andrebbero fatte con regolarità visite  dal dentista.

Una buona regola potrebbe essere quella di fare un controllo ogni sei mesi, quindi due all’anno. Questo è valido, però, se non insorgono problematiche come sanguinamento ripetuto delle gengive, traumi, ecc.

Durante i controlli, il dentista vi avviserà se ci dovessero essere lavori da fare e vi darà consigli su come mantenere denti e bocca sani. Verranno poi controllate le varie parti della bocca, lo stato dei tessuti e, ovviamente, i denti e il loro aspetto. In questo modo sarà possibile prevenire o individuare in tempo la comparsa di traumi, infezioni, infiammazioni, la presenza di carie, piccole fratture ecc.

Vantaggi dei controlli

Fare visite periodiche dal dentista ha vari aspetti positivi, non solo per quanto riguarda la salute, ma anche per l’aspetto economico:  curare un problema già in corso da tempo costa molto di più che prevenirlo.

Nello specifico:
si prevengono complicanze come la parodontite e le gengiviti
si eliminano sul nascere le carie (meno doloroso che farlo quanto sono già ben sviluppate)
viene tolto il tartaro,
si evita la degenerazione di situazioni patologiche.