02 Mar 2016
March 2, 2016

Lingua bianca? ecco i motivi…

0 Comment

La lingua all’interno dell’organismo umano è uno dei muscoli più forti e ogni giorno contribuisce a masticare il cibo, sentirne il sapore e articolare i suoni. Un’attività che viene spesso sottovalutata è il fatto che la lingua sia in grado di segnalare se l’organismo è in buona salute oppure no.

Ad esempio, se è caratterizzata da un colorito biancastro, vuol dire che c’è qualcosa che non va. Solitamente questo succede perché, in presenza di un disturbo, i villi che ricoprono la lingua tendono a crescere, fanno apparire biancastra la mucosa. I disturbi che causano questo fenomeno sono la leucoplachia, il mughetto e il lichen planus orale.

Mughetto: Consiste in una micosi che colpisce la mucosa orale. Si manifesta con la presenza di formazioni biancastre. Può causare bruciore e rendere difficile la masticazione. Colpisce in particolare i bambini, gli anziani, i portatori di protesi dentali e le persone che possiedono un sistema immunitario debilitato. La probabilità di contrarre il mughetto è più alta anche per i pazienti affetti da patologie respiratorie che fanno uso di steroidi inalatori, per i diabetici e per le persone che hanno seguito una terapia antibiotica. Per combattere l’infezione si consigliano dei trattamenti farmaceutici idonei e di mangiare yogurt con fermenti lattici vivi, per ripristinare la flora batterica orale.

Leucoplachia: Si nota con la crescita anomala delle cellule del cavo orale, che provoca la formazione di macchie bianche all’interno della bocca e sulla lingua. Questo disturbo non è particolarmente pericoloso, ma può segnalare l’insorgenza di una neoplasia. Sarebbe necessario il prima possibile accertarne le cause. In diversi casi la malattia si sviluppa quando la lingua è irritata. I fumatori sono i principali soggetti ad essere colpiti, ma può essere provocata anche dal consumo di alcolici o a cause ignote.

Lichen planus orale: È una malattia infiammatoria di origine immunitaria. Si manifesta quando il sistema immunitario attacca le cellule della mucosa perché le riconosce come estranee. Si riconosce grazie alla presenza, sulla lingua, di strisce biancastre simili ai licheni che crescono sugli alberi. Colpisce soprattutto le donne, in particolare quelle di età compresa tra 50 e 70 anni. Le cause potrebbero essere ambientali o legate alla familiarità, ma in svariati casi restano sconosciute. Spesso la malattia regredisce da sola, oppure con l’aiuto di farmaci cortisonici.