Il filo interdentale serve a rimuovere la placca negli spazi interdentali.

Si utilizza tagliando un pezzo di filo di circa 40-50 cm che si avvolge intorno al dito indice. Il filo va fatto passare due o più volte nello stesso spazio interdentale inserendolo tra i denti e spingendo delicatamente fino al solco gengivale. Al primo passaggio si tira facendolo aderire alla parete di un dente e al secondo passaggio si tiene aderente alla parete del dente vicino. E’ molto importante utilizzarlo correttamente perché se usato male può traumatizzare la gengiva.

Ne esistono di diversi tipi:

  • cerato: scivola lungo l’area di contatto
  • non cerato: si apre e si separa in altri piccoli fili rendendo più efficace la rimozione della placca
  • spugnoso: si utilizza preferibilmente in presenza di apparecchio ortodontici o protesi su impianti, la sua composizione spugnosa permette una rimozione più efficace dei batteri.