Una revisione di varie ricerche scientifiche condotte nell’ultimo decennio conferma che le bevande gassate danneggiano i nostri denti a causa degli acidi in esse contenuti che corrodono lo smalto e favoriscono la carie.

La colpa è principalmente dell’acido citrico e fosforico, sostanze presenti in lattine e bottiglie ad alto tasso di bollicine. Gli studiosi sono arrivati alla conclusione che le bevande gassate e zuccherate, oltre a essere responsabili dell’aumento di peso, causano danni gravi ed irrimediabili ai denti.

In uno di questi studi scientifici sono stati sottoposti a esame una ventina di marchi, inclusi quelli più noti come Coca ColaPepsi7Up, nei quali venivano immerse, dopo averle pesate, porzioni di smalto da denti appena estratti.

Lo smalto dopo alcune ore aveva perduto oltre il 5% del suo peso. Nel test è stato misurato anche il grado di acidità che risultava molto basso con un range di pH tra 2,3 e 2,5.

I produttori di bibite hanno contestato il metodo con cui l’esperimento è stato condotto affermando che esso non presenta la realtà. Ma c’è da dire che altre ricerche erano basate su evidenze cliniche oltre che di laboratorio.

Il grado di erosività dei soft drink è il risultato di una serie di varianti. Il peso maggiore è dell’acido citrico, ma anche il calcio e la soda contribuiscono a distruggere lo smalto.