Un dolore improvviso, acuto, breve ma molto intenso. Ecco cosa accade quando i denti sensibili vengono a contatto con sostanze calde o fredde oppure con cibidolci o acidi. Vi ritrovate in questa fastidiosa situazione? Il problema della sensibilità dentale è un fenomeno che può presentarsi in ogni periodo dell’anno tuttavia anche i denti sono più sensibili alle basse temperature durante il periodo invernale. La dolorosa reazione che hanno i nostri denti in alcune situazioninon è una vera e propria patologia, tuttavia questi sintomi possono essere campanelli d’allarme per problemi più gravi legati alla salute delle gengive e dei denti. L’insorgenza di questo noioso disagio è dovuto alla superficie dei denti logorata, cioè quando lo smalto non ricopre in maniera omogenea la dentatura. Lo smalto infatti è il responsabile della protezione dei denti, un dente sensibile al freddo è un dente più esposto in quanto indifeso. Quando il dente non dispone della sua corazza di smalto riceve attacchi alla dentina, ovvero il cuore del dente che è percorso da fibre molto sensibili (tubuli dentinali). Le cause della debole protezione dei denti sono riconducibili ad una scorretta igiene dentale o ad abitudini alimentari che comprendono l’assunzione frequente di cibi acidi (agrumi, yogurt, cole, succhi di frutta ) che erodono lo smalto. Anche l’abitudine di digrignare i denti in situazioni di stress (bruxismo) causa sensibilità dentale. Come è possibile risolvere questo disagio? Attraverso il rinforzo dello smaltodentale si può ritrovare la giusta protezione. Eliminare spazzolini con setole troppo dure e spesse, sostituire i dentifrici con pasta abrasiva con altri dedicati ai denti sensibili. Una corretta igiene orale attraverso prodotti specifici e frequenti controlli dal dentista possono riportare serenità nella nostra bocca.